Valute emergenti: meccanismo di aggiustamento

Hai domande o commenti? Scrivi a info@finanzaoperativa.com

di Alex Wolf, EM Economist, Standard Life Investments

Molte monete dei mercati emergenti si sono deprezzate drasticamente rispetto al dollaro nel corso dell’anno passato, con la valuta che funge da meccanismo di regolazione chiave nel cambiamento delle condizioni globali. Il crollo dei prezzi delle materie prime e la debole crescita del commercio mondiale hanno colpito le economie emergenti, e benché la maggior parte dei mercati emergenti abbia sofferto in questo ambiente, si sta ormai sviluppando una chiara distinzione tra esportatori di materie prime ed esportatori di prodotti; un aspetto particolarmente evidente osservando le diverse valute (chart 10). In aggiunta al problema dei prezzi delle materie prime, molti paesi sono stati colpiti da fattori idiosincratici che hanno esacerbato la debolezza dei cambi: Russia (sanzioni), Malesia (scandalo politico), Turchia (squilibri esterni, mancanza di indipendenza della banca centrale e rischi per la sicurezza), e persino la relativamente stabile Taiwan, che ha risentito del forte rallentamento della domanda cinese e della comunicazione confusa durante il tentativo del continente di una riforma monetaria.

In Brasile, la svalutazione della moneta è stata causata da una combinazione di incertezza politica, alta inflazione, passi falsi di politica fiscale e crollo della crescita economica. Inoltre, mentre il governo cerca di attuare politiche che riducano gli squilibri economici, i movimenti della valuta del Brasile, il real, sarà una delle variabili più importanti da monitorare. Mentre da un lato la moneta perde valore in termini reali, dall’altro contribuisce a ridurre gli squilibri esterni dell’economia, come dimostra il miglioramento del surplus commerciale e la riduzione del disavanzo delle partite correnti. Tuttavia, lo stesso deprezzamento valutario, insieme all’inflazione già elevata, sta anche aggravando gli squilibri interni. Il Brasile sta tentando risolvere diverse questioni contemporaneamente – deficit fiscale, inflazione, deficit delle partite correnti, incertezze politiche – e i movimenti valutari aiuteranno e allo stesso tempo potranno danneggiare il processo di aggiustamento.

La valuta ha perso circa il 22% da giugno e, anche se l’economia continua a contrarsi e il mercato del lavoro si sta deteriorando rapidamente, l’inflazione ha continuato a salire sopra le aspettative. Le attese sull’inflazione per la fine del 2016 sono peggiorate (sopra il 6% dal 5,4% di inizio agosto) e si spostano ben più lontano rispetto al target del 4,5% della banca centrale. Il livello di svalutazione ha cambiato l’equilibrio dei rischi per l’inflazione e rende improbabile che l’inflazione converga verso l’obiettivo della banca centrale per il 2016. Se il real brasiliano si dovesse deprezzare bruscamente, si renderebbe necessaria una risposta per contenere l’aumento delle aspettative di inflazione, o con una stretta monetaria o con un intervento sul cambio.

Se si guarda il lato positivo, la svalutazione monetaria sta migliorando le prospettive per molti esportatori brasiliani, e contribuendo a ridurre gli squilibri esterni. Il settore della carta e della cellulosa è un buon esempio di industria brasiliana in miglioramento sulla scia di una moneta più debole. Le esportazioni di carta sono aumentate e, grazie a prezzi globali resilienti in termini di USD e alla riduzione dei costi interni, gli utili sono migliorati per la maggior parte degli esportatori di carta del Brasile. Da inizio anno, la bilancia commerciale ha registrato un surplus di USD11.3bn, dato che le esportazioni sono scese del 15,9% (principalmente a causa dei prezzi delle materie prime), e le importazioni sono scese del 22,5% (dato che riflette la recessione nazionale e un real più debole). Detto questo, mentre il disavanzo delle partite correnti ha cominciato a migliorare, il ritmo di aggiustamento è stato deludente per un’economia che si sta contraendo a quasi il 3%.

 

 


Share this post: